lunedì 24 ottobre 2011

Immobile allo scorrere del tempo

La prima cosa che volevo esprimere con questo post era un sentito ringraziamento, verso tutti quelli che hanno reso possibile questo risultato: raggiunto (e superato) il numero 3000 di visite, in due anni e mezzo mi sembrano non poche, per un piccolo blog come il mio personale. Grazie davvero a tutti. In secondo luogo, vorrei esprimere il mood triste di queste brutte giornate (con tutto quello che sta capitando, a me ma soprattutto nel mondo, e basta aprire un sito qualunque di notizie per rendersene conto) con una poesia che ho scritto qualche tempo fa e che non parla di attualità, ma della mia "condizione". E' la solita poesia triste, spero che piaccia a tutti voi miei lettori.

Immobile allo scorrere del tempo

Davanti allo schermo
Di un computer, stanotte
Come inebetito me ne sto
E guardo il tempo scorrere

Tante storie mi passano accanto
Bellissime, di amicizia, di sorrisi,
Di felicità, d’amore, ma è come se
Io fossi dentro una bolla senz’età:

Da essa vorrei uscire sempre,
Vorrei conoscer gioia e vero amore
Ma per qualche ragione che non so
Posso solo rimanere qui a guardar

Così tante ragnatele crescono
Su di me, mentre invecchio,
Non aspettando ormai altra cosa
Che la fine ultima dei tempi

Nessun commento:

Posta un commento