lunedì 24 gennaio 2011

Caos

Era un po' di tempo che non scrivevo una poesia triste, ma questa è veramente sentita, visto lo stato d'animo che ho da qualche tempo. Credo sia solo colpa di alcuni farmaci che prendo, ma in ogni caso mi sembrava giusto pubblicarla, mi pare bella, per quanto triste.

Caos

Sprazzi di luce
Balenan nel buio dentro me
Come pallide lingue
Di un fuoco malefico

E nella mente, confusione
Pensieri che rimbalzano
Come sferette in un gioco sadico
Mentre la testa pesa troppo sulle spalle

E questa sensazione
Non mi abbandona facilmente
Ma rimane, e mi provoca solo
Cupo e muto dolore

Nessun commento:

Posta un commento