martedì 20 maggio 2014

L'irrazionalità del "grillismo"

C'è una cosa che, man mano che si avvicinano le elezioni europee, mi allarma: l'incoscienza, l'irrazionalità e l'ignoranza sempre più intense e fanatiche che vedo in chi si propone come sostenitore di Beppe Grillo e del Movimento a 5 Stelle. Per me è veramente assurdo ed inconcepibile, infatti, di come dei messaggi terribili, pieni di odio, ma anche semplici concetti non atroci ma soltanto idioti siano recepiti tranquillamente da persone in apparenza anche intelligenti, ed anzi esaltate come qualcosa di assolutamente giusto e razionale, e venga invece "redarguito" (usiamo questa parola, va) chi invece giustamente critica o si indigna davanti alle parole forti del leader e degli esponenti del Movimento.

Tralasciando paragoni scomodi con dittatori e "lupare bianche", ecco un esempio secondo me abbastanza calzante di questo fatto: Grillo continua a dire che se il Movimento a 5 Stelle vincerà le elezioni europee, Renzi dovrà dimettersi e si formerà un governo guidato proprio dal suo partito. Non succederà mai, ma ammettiamo che accada: come pensa di farlo funzionare, questo governo? Ci sono due cose (o almeno quelle legali sono solo due) che può fare:
- potrebbe cercare consensi all'interno del parlamento, per formare una maggioranza: del resto la politica è soprattutto questo, la ricerca di un compromesso. Un alleanza col PD, almeno su alcuni punti, sembra fattibile (meno con Forza Italia, ma non si può mai dire); tuttavia, potrebbe veramente il partito di Grillo, che vive da anni sull'antipolitica, formare una coalizione con qualcuno di questi, che fino a qualche giorno prima è stato avversato tanto, col conseguente danno d'immagine? Teoricamente anche si, visto che sempre in linea di principio il M5S serve solo il paese e non ha altro interesse, ma visti i precedenti mi pare alquanto improbabile. Un'altra strada sarebbe cercare una coalizione che comprenda tutti i partiti minori ed escluda solo PD e FI, ma sarebbe poi impossibile governare (credo proprio che una maggioranza che vada dalla Lega a Sinistra Ecologia e Liberta passando per i partiti di Monti ed Alfano imploderebbe in meno di un secondo); e, a parte questo, non si riuscirebbe comunque a raggiungere la maggioranza, né al Senato (senza PD e FI ci sono 153 parlamentari, dove la maggioranza è 161) né tantomeno alla Camera  (servono 316 voti per avere la maggioranza, e senza i due partiti suddetti ce ne sono appena 269).
- potrebbe non cercare alcuna maggioranza, e presentare un governo in solitaria, il che però significa, prima di poter nascere effettivamente come governo, di dover passare per la fiducia del parlamento. Ovviamente questa non avrà mai luogo: solo i membri del M5S voterebbero la fiducia, con numeri ovviamente di molto insufficienti a garantire al governo una maggioranza, ed il governo morirebbe prima ancora di nascere.
Se non impossibile, insomma, un governo a Cinque Stelle sembra quantomeno improbabile, eppure gran parte dei suoi sostenitori sembra convinto del contrario, ed anzi è disposto a credere che dopo queste elezioni  (che ovviamente non cambieranno una virgola della situazione politica italiana, ma solo di quella europea) la "vecchia politica" verrà definitivamente accantonata. Come è possibile?

E qui torniamo appunto al punto di partenza: è possibile perché non abbiamo altro che un mix letale ignoranza e fanatismo. Non è di questo che abbiamo bisogno per diventare un grande paese: abbiamo necessità al contrario di puntare sulla razionalità e sulla cultura, e soprattutto di smettere di ascoltare tutta questa genere che urla (e non parlo solo di Grillo, che è solo il caso più eclatante, ma di gran parte dei nostrani politici) e cominciare a pensare con la propria testa. Spero quindi che succeda, in un futuro si spera il più presto possibile, che i grillini (che non ritengo stupidi, ben inteso, solo ingenui e mal guidati) possano capire dell'assurdità di quanto sta accadendo e fare marcia indietro. Sveglia! (cit.)

P.S. probabilmente il post necessitava di un maggior approfondimento, ma il tempo è quello che è, quindi scusate se è forse troppo stringato.

Nessun commento:

Posta un commento