sabato 14 luglio 2012

Lost in Google (e 200° post)

Di solito sul mio blog non faccio recensioni, anche se ho visto un film/telefilm o ho letto un libro/fumetto anche meraviglioso, non l'ho mai suggerito ai miei pochi lettori (tant'è che per la musica, il mio interesse più grande, invece che mettere qui i miei consigli ho fondato apposta Heavy Metal Heaven). Ho sbagliato oppure no? Beh, non importa, ma oggi mi sento in dovere di consigliarvi una web-serie tutta italiana, dal titolo "Lost in Google" del gruppo The Jackal,che mi è piaciuta veramente tanto. Oggi è stata pubblicata l'ultima delle sue cinque puntate, e davvero posso dire che non ci sia una puntata sola non eccezionale, dal primo all'ultimo istante la serie è stata bellissima, con la sua atmosfera tutta improntata verso il demenziale (anche se non sono mancati momenti più seri), gli attori, il regista e il resto dello staff tutti molto bravi (meglio di professionisti anche acclamati), un'impostazione professionale nell'ambito della fotografia, della scenografia, degli effetti speciali, della colonna sonora e di tutto il resto, la presenza di cammei di personaggi famosi, e così via. La particolarità migliore è però il fatto che la serie sia stata scritta in collaborazione con la gente comune, che suggeriva come proseguire la trama dell'episodio seguente nei commenti sotto le puntate, su youtube, il che è un'idea veramente geniale. Visto tutto ciò, ne è uscita una web-serie stupenda. Complimenti dunque a chi materialmente ha realizzato questo progetto, mentre a voi che mi leggete, se non avete visto la serie recuperatela assolutamente (trovate tutte le puntate qui).

P.S. non c'entra nulla, ma questo è il duecentesimo post di questo blog! Non ho voglia nel tempo di scrivere riflessioni particolari su questo fatto (anche se potrei dire che ne ho fatta di strada, la strada è ancora lunga, eccetera), ma sono semplicemente contento di aver raggiunto, con la costanza, questa quota; e un po' di merito è anche di chi mi segue, perciò grazie di cuore.

Nessun commento:

Posta un commento