venerdì 16 luglio 2010

Fuoco e ghiaccio

Intanto che la riscrittura dei due miei racconti procede a rilento, colpa un po' del caldo, un po' delle tante altre cose che ho per la testa (ma uno di essi ormai è quasi completo), per ingannare l'attesa posto una poesia (o un abominio/cagata pazzesca, se volete :D) da me composta oggi, e che tratta sempre della mancanza di sonno, resa ancora più ardua dalle "condizioni termiche" di questa estate. Non è proprio granché, ma spero che sia di gradimento.

Fuoco e ghiaccio

Nella grande buia camera
Disteso sul mio letto
Aspetto di dormir
Immerso nei miei pensieri

Ma il caldo è soffocante
Persin il respirare è
Quasi doloroso
E mi sento come se fossi
Avvolto da lingue
Di fuoco invisibile
Ma che infiammano
Fino all'intimo del cuore,
E non certo metaforicamente

Ma semmai usassi
Il ventilatore, unico sollievo
Dall'afa della cappa scura
Il tormento non sarebbe
Certo inferiore, vista
L'aria che emana, che
Riesce a freddarmi tanto
Quanto fosse ghiaccio,
Sino al centro delle mie ossa.

E non mi resta che subire
Le fiamme che mi consumano
E il gelo che mi divora
Mentre il sonno mai arriva.

4 commenti:

  1. Essenziale, diretta....sensazioni condivise,purtroppo, espresse con una semplice sofferenza che comprendo bene....
    Bella amore, a me piace molto.

    RispondiElimina
  2. Grazie, piccola... per me è sempre importante il tuo giudizio

    RispondiElimina
  3. Ma il ventilatore di che marca è? Diffidate dalle imitazioni.

    RispondiElimina
  4. secondo me è colpa della vortice

    RispondiElimina